.
Annunci online

PENSIERISINISTRI
Libertà è partecipazione
25 febbraio 2006
INVADENZA MANIFESTA

MEGALO-WOMAN




permalink | inviato da il 25/2/2006 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
24 febbraio 2006
Addio, Luca Coscioni...
Da tanto tempo non scrivo sul blog. Per ora ho molti impegni. Ma ci tengo a dedicare almeno un saluto a Luca Coscioni, uomo simbolo di una battaglia importante in un'Italia dove la Ricerca è ancora un privilegio. La  questione da lui sostenuta non è una questione di coscienza, ma un principio di democrazia.



permalink | inviato da il 24/2/2006 alle 12:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
19 febbraio 2006
LOMBARDO ALZA GLI SCUDI

Dopo l'irresponsabilità dimostrata da Calderoli il cui gesto provocatorio e stupido è stato causa di ben 11 vittime, ecco come reagisce alla vicenda il siculo-leghista Raffaele Lombardo. Mentre tutti prendono le distanze dal gesto, indegno di un Ministro e di una persona responsabile, Don Raffaè alza il suo scudo in difesa del compagno di Lumbard.

"Esprimo apprezzamento per il senso di responsabilità dimostrato dal Ministro Calderoli. Mi auguro che in Italia cessino le strumentalizzazioni di queste ultime ore, anche se non mi faccio eccessive illusioni, considerato anche il clima elettorale.  
Conoscendo l'indole del popolo libico resto comunque dell'idea che la manifestazione di Bengasi e le sue drammatiche conseguenze non hanno niente a che vedere con il fondamentalismo islamico; penso invece si è trattato dell’ennesimo espediente del regime per dare addosso all'Italia".  MPA









permalink | inviato da il 19/2/2006 alle 15:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
17 febbraio 2006
NON E' UN GIOCO...

Mancano pochi mesi a quel momento cruciale, amato e odiato da tanti italiani e da altri nemmeno percepito. Si capisce che sto parlando delle Elezioni Politiche.
Premesso che io consideri assurdo che, a due mesi dal termine della  campagna elettorale, il dibattito rimanga schiacciato su temi spesso irrilevanti e dominato dal potere  mediatico, che Silvio sta usando sempre più pesantemente e in modo autoritario.  Qualcuno pensa che questa sua sovraesposizione possa risultargli fatale, io non ne sarei così sicuro.

Gli servirà innanzitutto ad ottenere un primo grande risultato : creare confusione. In un mare già così disordinato, la sua martellante presenza, le sue piccole verità, le sue grandi bugie porteranno anche il più convinto degli elettori a chiedersi: sarà vero?
Secondo risultato è quello di sfoggiare il suo talento da cabarettista, facendo credere di essere un po’ pasticcione, ma buono e privo di perfide ambizioni personali. Eh sì! Perché non ci dimentichiamo che lui non è un Politico di mestiere, ma per “sacrificio”. Mentre lui passa da Napoleone a Sturzo,  da Churchill a Gesù Cristo, a sinistra qualcuno come Bertinotti rischia di prendersi troppo sul serio. Candida Caruso e poi ritira la candidatura di Ferrando, che sostanzialmente la pensa allo stesso modo del No Global napoletano. A volte mi sorge il dubbio che ci sia qualcuno che al governo non ci vuole proprio stare. Purtroppo ci sono persone che credono che la politica sia semplicemente una scelta di posizioni statiche e monolitiche. Per me un leader che rifiuta un ministero, che fa a meno di rischiare di dimostrare ciò che saprebbe fare coprendo un ruolo di responsabilità, non è un Politico  serio.

Da elettore convinto dell’Unione vorrei sapere se saremo capaci di trasformare l’enorme programma in una serie di punti forti da poter trasmettere facilmente agli elettori indecisi. Mi chiedo se sarà possibile individuare un tema centrale e univoco che stia alla base della campagna elettorale. Spero soprattutto che qualcuno capisca quanto sia deleterio farsi dettare l’agenda politica dal centro-destra- Dobbiamo essere noi a decidere quale sia il tema che quotidianamente bisogna esporre agli elettori e non gli avversari a trascinarci in sterili polemiche. Basta discussioni sui sondaggi o sul redivivo  Napoleone. Adesso bisogna parlare di infrastrutture, lavoro, tasse, ricerca, formazione,  pensioni, ammortizzatori sociali e segnare in ognuna di queste tematiche una direzione chiara e più o meno condivisa. Bisogna far capire alle persone quanto alcune riforme attuate da questo governo siano deleterie per il loro futuro.

Comprendo quanto sia difficile con questa legge badare agli interessi di coalizione, piuttosto che a quelli del singolo partito, ma in  gioco c’è qualcosa di molto importante delle percentuali di bandiera e per vincere bisognerà giocare di squadra.





permalink | inviato da il 17/2/2006 alle 15:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
14 febbraio 2006
MA CHI 'NNI STANU PIGGHIANNU PO 'U CULU?!?

Calderoli fa il pieno al Pala-Catania. Gli Autonomisti applaudono, considerano quest'alleanza la grande novità e fanno finta di stare ai margini di una certa politica.

Così accade che un leader leghista, che fino  a poco tempo fa non avrebbe mai  potuto immaginare di “sbarcare” in Sicilia e  poter tornare sano e salvo a casa, faccia addirittura un comizio davanti a migliaia di  persone sparando a zero su tutti, anche sui suoi alleati, fuorché sui siciliani. Si scusa se la Lega è stata fraintesa e giudicata un movimento razzista e antimeridionale. L'accordo prevede anche che il quotidiano leghista la Padania venga distribuito in Sicilia, in Puglia e nel Sud in genere, e che Bossi e altri esponenti leghisti vengano a Sud per la campagna elettorale, mentre Lombardo e i dirigenti dell'Mpa andranno a Nord.

Poveri politologi che avevano visto chissà quale teoria dietro questo progetto. Si chiama presa per il  culo , ricoperta di frottole, alla luce del Sole, dinnanzi agli occhi di  gente stanca e con troppa voglia di accontentarsi, pronti ancora una volta a calarsi le braghe di fronte a Bossi e  alla Lega. Ma Lombardo non era quello che con Berlusconi non voleva più avere niente a che fare? Ma la gente lo sa che questa operazione sarà utile soltanto a far vincere Silvio, laddove dovrebbe perdere? 

 

 




permalink | inviato da il 14/2/2006 alle 13:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio   <<  1 | 2  >>   marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

   V-SITO

- Those Shirts
- Maschio 100x100
- Femmina 100x100

  IN - VIDEO MEMORY

STORIA e POLITICA:

- Paolo Borsellino
- Totò Riina

COMICO:

- Cuffaro per la Sicilia. Spot
- Frassica - La festa del Sani
- Napoletone a Walterlo (Diego Bianchi - Zoro)


_____________________________________________________________________________




  

    
CAMERA CON SVISTA:

- SONO IL MESSIA
- SILVIO KRUEGER
- L' ADDESTRAMENTO
- DAI GIUDICI
- MAVACAGAR
- BUON NATALE
- LA RIVOLUZIONE MORALE
ORIANA
- IL CAPOCANNONIERE
-
ANARCHICA INSURREZIONALISTA
- BIN LADEN - NO TAV
- DU MARONI
- BABBO LUMBARDO
- TUTTI PAZZI PER COGNE
-
POLLO PER ...
- CELENTINO
- DEVOLUTION
- SANTANCHE'
- PAIURA
- NO I.C.I. ...
- PREVITI
- MASTELLA
- ROTTURA DI MARONI
- TREMONTI
8XMILLE A CATANIA
- BAGET BOZZO
- GENTLEMAN'S AGREEMENT 
BIRRA MORATTI
IL CALDEROLO 
RUTELLA
NEUROECONOMISTA
SBARRAMENTO - EMBRIONI
LA MASTURBAZIONE
L'AMICO DI SEMPRE
L'AMICO DI TUTTI
IL PATTINATORE
VOLA CON JONATHAN
UN CUORE CASALINGO
TROPPO BELLI
ACESE PER CULTURA 
L'ULTIMA SPIAGGIA 
- WHITE W-EXPRESS 
- SI CANDIDA LUI O LA PIANTA?
- UN UOMO IN EUROPA
- UN UNICO OBBIETTIVO...
- SADDAM
- AAARGHH!
- BAU-SILE
- GEMELLI
- LA SQUADRA
- TYSON A SANREMO
- EASY RIDER

Creative Commons License
This work is licensed under a
Creative Commons Attribution
NoDerivs 2.0
Italy License
.


 
"Le convinzioni, più delle bugie, sono nemiche pericolose della verità"
Friedrich Nietzsche

 
E’ pesante un cuore leggero”

Victor Serge 

"Sono più le persone disposte a morire per degli ideali, che quelle disposte a vivere per essi"
Herman Hesse

"La preoccupazione dell'uomo e del suo destino devono sempre costituire l'interesse principale di tutti gli sforzi tecnici. Non dimenticatelo mai in mezzo a tutti i vostri diagrammi ed alle vostre equazioni."
Albert Einstein

"Molti affetti sono abitudini o doveri che non troviamo il coraggio di interrompere"
Eugenio Montale 

"La sicurezza del potere si fonda sull'insicurezza dei cittadini"
Leonardo Sciascia

"
Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille,
mentre il contrario è del tutto impossibile
"
Woody Allen

"La grandezza di un uomo non sta nel non cadere mai,
ma nel risollevarsi sempre dopo una caduta"

Confucio

"E' stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati"
Fabrizio De Andrè

"Nulla infonde più coraggio al pauroso della paura altrui"
Umberto Eco

"Chi controlla il passato controlla il futuro...
Chi controlla il presente controlla il passato
"
George Orwell